Cerca Immobile
Categoria:
Tipo di contratto:
Provincia:
Cittá:
Metri Quadri:
Prezzo:                     da   a
Cerca per codice:

Property investment

Proponi il tuo immobile

PROMUOVIAMO IL TUO IMMOBILE SU:

Casa.it attico.it

RIFLESSIONI

Una figura mitologica da sempre presente nei desideri dei venditori è il cosiddetto AMATORE, il quale se in realtà dovrebbe corrispondere al compratore affascinato da specifiche caratteristiche architettoniche e strutturali dell'immobile, al contesto in cui si trova ecc, da chi vuole vendere viene sempre concepito come il citrullo di turno disposto a tirare fuori cifre folli per comprare squallidi tuguri, solo perché si trovano in prossimità di luoghi di interesse (soggettivi!). A tale definizione si è sempre associata la figura dello "straniero", visto come il classico pollo da spennare, arrivando al risultato che il proprietario ottiene gratificazione per un immobile venduto il doppio del suo valore e lo scellerato agente o chi per lui, un misero ricarico su quella che doveva essere una giusta commissione. Tutto ciò a discapito di un mercato immobiliare che in Sicilia negli anni a causa di operazioni di questo tipo, è stato etichettato come sinonimo di fregatura anziché portatore di buoni investimenti, pur godendo il nostro territorio di temperature e stagioni invidiate in tutto il mondo, insieme al patrimonio artistico e paesaggistico. Cosa fare per rimediare? I miracoli non sono possibili, ma possibile è semplicemente usare la testa! E' inutile cercare l'AMATORE nei termini su citati, perché questo non esiste, e da noi se lo "straniero" vorrà acquistare, lo farà in linea con i prezzi di mercato, perderemo anche qualche migliaio di euro di provvigioni, ma il cliente avrà soddisfazione per l'affare concluso, e di conseguenza aumenterà la possibilità di attrarre dall'estero altri investitori che potranno sentirsi sicuri di operare all'insegna della correttezza, e chissà, magari grazie a questo col tempo si venderà di più, più facilmente, e ad un prezzo maggiore. E' necessario riprenderci la nostra credibilità, prima da uomini e poi da professionisti, a vantaggio della nostra economia, della nostra crescita e quindi del nostro futuro.

Data: 24-07-2013

>> Archivio News